beDIEFFErent

8 donne che hanno fatto la storia dell’informatica

Dietro un’invenzione grandiosa in vari ambiti, c’è spesso il lavoro originato da tante intuizioni e teorie diverse, a cui non sempre si da la dovuta paternità. O in molti casi la maternità. Sono molte infatti le donne che hanno fatto la storia dell’informatica ma le cui teorie, idee e invenzioni fondamentali a stento vengono oggi nominate e studiate. Tu quante ne conosci di queste 8?

 

Ada Lovelace Byron

 

Ada Lovelace

Nata nel 1815 e morta a soli 36 anni, Ada venne concepita nel breve e infelice matrimonio fra il poeta George Gordon Byron e la nobile matematica Anne Isabella Milbanke. La madre la portò via dopo la separazione dal marito, e indirizzò la sua educazione verso le materie scientifiche con un occhio di riguardo per la matematica. La donna temeva infatti che Ada avrebbe potuto ricalcare i passi fallimentari del padre nel mondo della poesia.
Fin dai primi anni, caratterizzati da una salute cagionevole, Ada si rivelò una bimba prodigio. Grandi studiosi e matematici assunti da sua madre, ne seguirono e incoraggiarono attivamente gli studi fin dall’infanzia.

A 17 anni, durante un ricevimento, conobbe il matematico Charles Babbage, inventore che influenzò molto i suoi studi futuri. L’uomo le parlò del suo ultimo progetto, la Macchina Analitica, uno dei tasselli fondamentali della storia dell’informatica. Tale macchina era sostanzialmente il primo prototipo di computer meccanico, anche se non venne mai effettivamente completata. Babbage vedeva nel suo progetto solo una sfaccettatura limitata, ossia quella di un semplice calcolatore. Per l’epoca era comunque un progetto estremamente all’avanguardia.

Fu proprio Ada ad intravedere però le potenziali applicazioni ben più complesse e futuristiche di tale macchina, prevedendo che avrebbe cambiato le sorti dell’umanità in ambito scientifico, e prefigurando il concetto di intelligenza artificiale. Dalla collaborazione fra i due, e la corrispondenza col giovane ingegnere italiano Luigi Federico Menabrea, Ada elaborò un algoritmo per la Macchina Analitica, che le avrebbe consentito di calcolare i numeri di Bernoulli. Tale lavoro è stato riconosciuto al giorno d’oggi come il primo vero e proprio programma mai scritto per un computer. Ada Lovelace Byron è stata dunque a tutti gli effetti la prima programmatrice della storia dei computer, nonché la visionaria che intravide i primi abbozzi di un futuro informatico non troppo lontano.

 

Suor Mary Kenneth Keller

 

1. Suor Mary Kenneth Keller

Nata nel 1913 e morta nel 1985 fu una donna di fede ma anche una pioniera dell’informatica.
Dopo aver preso i voti e ben due lauree in matematica e fisica, Mary fu la prima donna nella storia degli Stati Uniti ad ottenere un PhD in informatica, ossia un dottorato. La sua tesi trattava degli algoritmi necessari alla soluzione analitica di equazioni differenziali.

Nel 1958 partecipò allo sviluppo del BASIC, un linguaggio di programmazione ad alto livello. Nel 1965 invece, iniziò una brillante carriera nel campo dell’insegnamento al Clarke College di Dubuque nell’Iowa. Qui fondò il Dipartimento di Informatica del College e lo resse per ben vent’anni. La sua visione come informatica e sopratutto educatrice, era volta ad offrire grande importanza al processare e rendere fruibile la mole di informazioni già all’epoca disponibili, soprattutto per facilitarne l’apprendimento.

 

Hedy Lamarr

 

Hedy Lemar

Nata nel 1914 e morta nel 2000, oltre ad essere una diva del cinema e le prima attrice ad interpretare una scena nuda fu anche una grande inventrice. L’ex studentessa di ingegneria a Vienna, ha sviluppato insieme al compositore George Antheil un sistema di guida a distanza per siluri. Il brevetto consiste in un sistema di modulazione per la codifica di informazioni da trasmettere su frequenze radio, verso un’entità che li riceverà nello stesso ordine con il quale sono state trasmesse. La sua invenzione contribuì in modo decisivo alla sconfitta dei nazisti ed è  alla base di tutte le tecnologie di comunicazione senza fili che usiamo oggi, dal wi-fi al Gps.

 

Karen Spärck Jones

 

Karen Spärck Jones

Nata nel 1935 e morta nel 2007, fu figlia dell’insegnante di chimica Owen Jones e della norvegese Ida Spärck. Dopo la laura in Filosofia e una breve carriera come insegnante, si dedicò del tutto al mondo dei computer. Divenne docente di informatica alla prestigiosa Cambridge, e fu per tutta la sua vita una forte sostenitrice dell’avvicinamento delle donne all’intero campo tecnologico.

Karen fu l’ideatrice del sistema alla base dei moderni motori di ricerca, con la creazione della cosiddetta funzione di peso td-idf. Questa funzione era capace di misurare la rilevanza e importanza di uno specifico termine in relazione ad uno o più documenti. Karen presentò questo lavoro in un articolo nel 1972 “A statistical interpretation of term specificity and its application in retrieval”, che venne poi concretizzato da Mike Burrows nel 1994 con la creazione del motore di ricerca Alta Vista. Un’opera essenziale per rendere più facilmente consultabili numerosissimi documenti destinati a moltiplicarsi e ammucchiarsi esponenzialmente nei decenni a venire.

 

Grace Murray Hopper

 

Grace Murray Hopper

Nata nel 1906 e morta nel 1992, questa donna esile e minuta fu una brillante matematica, informatica ed anche una militare statunitense. Dopo aver ottenuto un PhD in matematica nel 1934 a Yale, insegnò per due anni al Vassar College e in seguito si arruolò nella Riserva della Marina nel ’43. La sua genialità le offrì un posto in Marina nonostante non rientrasse negli standard minimi fisici, a causa della sua bassa statura. Per permetterle ciò venne persino emessa una deroga fatta su misura per lei.

A Grace la storia dell’informatica deve molto, in quanto fra le tante cose, il suo ruolo fu essenziale nella programmazione del COBOL, linguaggio adoperato ancora oggi in software commerciali di tipo bancario. A Grace dobbiamo anche l’utilizzo del termine bug per definire un malfunzionamento di un computer, e le relative operazioni di debugging.

 

Radia Perlman

 

Radia Perlman

Nata nel 1951, è ancora oggi una celebre informatica soprannominata affettuosamente “la madre degli switch“. Dopo una laurea in matematica ed un dottorato in informatica al prestigioso Massachusetts Institute of Technology (MIT), Radia ha donato al progresso informatico un contribuito storicamente essenziale, senza la quale oggi non avremmo internet così come lo conosciamo. Radia, fra i suoi numerosi contributi, è celebre per aver concepito l’algoritmo alla base del protocollo spanning tree, essenziale nel networking.

 

Adele Goldberg

 

Adele Goldberg

Nata nell’Ohio nel 1945, è tutt’ora una celebre informatica statunitense. Laureata in matematica con un master in informatica, ha ottenuto il PhD in scienze dell’informazione. È stata per diversi anni operativa presso il PARC, il Centro di ricerca Xerox a Palo Alto ed è stata la co-fondatrice della ParcPlace-Digitalk. I suoi contributi al mondo dell’informatica sono stati riconosciuti e premiati nel corso degli anni, ed è nota in particolare per il lavoro di sviluppo del linguaggio di programmazione Smalltalk, in collaborazione con Alan Kay.

 

Anita Borg

 

Anita Borg informatica

Nata nel 1949 e morta nel 2003, l’informatica statunitense è stata colei che ha dato forse l’impulso maggiore a beneficio delle donne in campo informatico e tecnologico. Un apporto essenziale e ancora oggi estremamente attuale, atto ad incoraggiare la presenza femminile in un mondo che vede le donne ancora troppo assenti se non direttamente escluse da studio e lavori legati alle discipline tecnologiche.

Celebre per i suoi lavori come ricercatrice e programmatrice, la Borg fondò nel 1987 Systers, una rete di email per donne che lavoravano e studiavano nell’ambito della tecnologia con un’alta formazione a livello tecnico. Tale rete consentiva un ricco scambio di consigli ed esperienze nel campo, ma costituì anche il terreno fertile per piccole ma rilevanti lotte sociali. Una delle poche argomentazioni non tecniche che vennero trattate in Systers riguardò ad esempio l’uscita nel 1992 da parte di Mattel, di una Barbie che recitava una battuta come “l’ora di matematica è tosta“. Tale giocattolo, per quanto apparentemente innocuo, si sarebbe potuto rivelare piuttosto dannoso per la formazione delle bambine, alimentando fin dall’infanzia lo stereotipo che vuole la matematica come materia naturalmente più indirizzata ai maschi. La protesta sorta da Systers portò alla rimozione di quella frase dai microchip della celebre bambola.

Fra le imprese più grandi di Anita Borg sempre in ambito femminile, vi furono la creazione della Grace Hopper Celebration of Women in Computing nel 1994 e la fondazione dell’Institute for Women and Technology nel 1997. La Grace Hopper, in omaggio alla celebre informatica militare statunitense, fu una conferenza che fondò in collaborazione con la collega Telle Whitney, allo scopo di radunare un gran numero di donne del campo della tecnologia. Durante la prima conferenza nel 1994 a Washington DC ottennero una partecipazione di 500 donne.

L’Institute for Women and Technology invece, è una compagnia che venne creata da Anita ricalcando i suoi valori principali in merito alla diffusione e potenziamento dei mestieri tecnologici fra le donne. L’istituto che nel tempo si è accresciuto acquisendo rilevanza internazionale, svolge ancora oggi un ruolo importante nel consentire sviluppo, connessione e opportunità di accrescimento del ruolo delle donne che lavorano in campo tecnologico. Non mancano dunque incentivi alla formazione o premi come il Technical Leadership Abie Award. Un compenso di ben 20.000 dollari, assegnato durante le celebrazioni in onore di Grace Hopper, alle donne che hanno contribuito a creare e progettare prodotti o servizi tecnologici di grande rilevanza in campo sociale, del business o di grande impatto per la comunità femminile nella tecnologia. All’istituto è stato oggi aggiunto il nome della celebre informatica, in un omaggio importante di cui avere sempre memoria.

 

Le donne e l’informatica oggi

 

Grazie a queste 8 pioniere dell’informatica e tante altre donne che si sono impegnate in questo campo, nonostante le difficoltà culturali del momento, oggi c’è più spazio per le donne e per il loro talento femminile. Dieffetech accoglie volentieri le donne che vogliono fare programmatrici, designer o project manager, valorizzando non solo le loro competenze tecniche, ma anche il loro genio femminile e le soft skills indispensabili per il lavoro di gruppo e la buona gestione dei progetti. Se sei interessata a lavorare con noi mandaci il tuo CV qui. Saremo felici di fissare subito il colloquio per conoscere la tua passione per l’informatica e aiutarti a diventare un’altra pioniera!