beDIEFFErent

Il tuo reparto ICT in outsourcing

Dopo aver esplorato varie opzioni tra il reparto ICT in outsourcing, insourcing e il mix tra i due, appare chiaro che fare una buona scelta dell’outsourcing possa portare un vantaggio competitivo non indifferente in termini di velocità, flessibilità e innovazione. Questi sono i tratti distintivi di Dieffetech – il tuo reparto ICT in outsourcing. Come questi aspetti si traducono nella realtà dei fatti? Scopriamolo insieme.

 

Velocità

 

Chi gestisce il reparto IT oppure fruisce dei servizi IT che vanno dall’aggiornamento dei portali alle modifiche dei software, sa cosa significa trovarsi in una situazione critica che può mettere in crisi tutto il sistema. Avere un supporto esterno, sempre disponibile e veloce nel trovare le soluzioni giuste è un aspetto fondamentale per tutti i clienti. Come si comporta Dieffetech di fronte ai problemi e alle urgenze? “Non importa quale sia il problema, sicuramente la soluzione verrà proposta nel modo più veloce, più efficiente possibile e molto spesso la soluzione è molto più efficace di quello che avevamo in mente noi”, afferma Sandro Margheriti, responsabile di customer care di ISSA Europe. I tempi di risposta “velocissimi” sono stati sottolineati da numerosi clienti che si sono affidati al supporto di Dieffetech.

Oltre alla velocità quello che conta molto per i clienti è la capacità di capire e risolvere l’urgenza. I ragazzi della Dieffetech “capiscono che quando una cosa è veramente urgente e va risolta in 24 ore, la risolvono in 24 ore”, afferma Gianluca Consonni, Partner di The European House – Ambrosetti. La velocità e la capacità di risolvere urgenze sono state delle qualità strategiche in tutti questi anni in cui il reparto ICT di Dieffetech in outsourcing ha offerto il proprio supporto alle banche e grandi multinazionali per conto di The European House – Ambrosetti.

 

 

Flessibilità

 

Un altro aspetto importante per chi si affida ad un reparto ICT in outsourcing è la flessibilità. Esistono numerose aziende che offrono i servizi in outsourcing seguendo inflessibilmente il piano iniziale con le caratteristiche del prodotto/servizio che sono state richieste all’inizio. E se il cliente vuole cambiare qualcosa? Per tanti fornitori qualsiasi ulteriore richiesta o modifica del progetto può diventare un problema perché manca quel coinvolgimento, quella relazione in cui il cliente diventa un partner, un collega che devo aiutare a vincere migliorando o persino cambiando quello che è stato pensato all’inizio.

In questo senso “avere al tuo fianco un’azienda che comunque ti capisce, ti segue, risolve i problemi, piuttosto che un’azienda rigida che sta strettamente legata a quanto si è pensato all’inizio… la flessibilità è un grandissimo lavoro” sostiene Gianluca Consonni. Questo è vero soprattutto per le aziende dinamiche come The European House – Ambrosetti che, secondo Elena Geltrudi, responsabile del servizio “Leader del futuro”, “ha delle richieste specifiche dal punto di vista delle tempistiche, dei dettagli e della cura dei dettagli e in questo senso Dieffetech ci ha sempre accompagnato, ha sempre cercato di capire le logiche e le motivazioni del nostro business per capire bene quali potevano essere le nostre esigenze”.

 

reparto ousourcing rapporto con clienti

 

Innovazione

 

La capacità di capire le esigenze del business non basta, se manca una solida competenza tecnica per attuare delle soluzioni diverse e innovative. Per raggiungere una meta ci possono essere diverse strade e a volte quelle meno battute sono più dirette ed efficaci. Ecco perché un reparto ICT in outsourcing deve avere delle capacità di analisi e consulenza per offrire delle soluzioni innovative, per consigliare ad un cliente una soluzione ideale per lui, per realizzare la sua idea, invece di costringerlo ad adattarsi a delle soluzioni preconfezionate.

Tornando alla Dieffetech, secondo Gianluca Consonni, “il tratto distintivo è sicuramente la parte di pensiero, di progettazione, di project management, che di sviluppatori bravi in giro ce ne sono tanti, ma di gente magari che ha anche un pensiero di alto livello laterale è già un po’ più difficile trovarli”. Avere un team di programmatori e project manager a cui chiedere anche dei consigli ti rasserena e rassicura quando devi andare dal tuo capo e proporre una soluzione che ti hanno dato, perché sai che è la soluzione migliore, sostiene Daniele Leoni, responsabile di supporto tecnico ai webinar in The European House – Ambrosetti.

 

Project manager Milano sviluppo software

 

Tutti gli intervistati hanno parlato di “colleghi” della Dieffetech, piuttosto che dei “fornitori” del reparto ICT in outsourcing. Infatti, il tratto distintivo dell’azienda, oltre alla velocità, flessibilità ed innovazione, è la capacità di costruire delle forte partnership in ottica win-win, per cui l’impressione è di essere un’azienda unica che impegna tutte le proprie forze per raggiungere il successo.

 

Facebook Twitter Linkedin Instagram
Close